Ucraina, F-16 in arrivo. Russia: “Servono più armi per guerra”

0
43

(Adnkronos) – La Russia ha bisogno di nuove armi per la guerra, l’Ucraina si prepara ad accogliere gli F-16. Grandi manovre tra Mosca e Kiev in una fase cruciale del conflitto, tra piani di nuovi attacchi e strategie che cambiano. 

L’Ucraina, dopo circa 5 mesi con le spalle al muro, aspetta l’arrivo delle armi che gli Stati Uniti hanno inserito nel pacchetto da 61 miliardi di dollari recentemente approvato dal Congresso. Da Washington, che ha già inviato missili a lungo raggio Atacms, arriverà anche una fornitura speciale del Pentagono con sistemi Patriot. Kiev, quindi, potrà contrastare con nuovi strumenti la probabile offensiva che la Russia si appresta a sferrare tra la fine della primavera e l’inizio dell’estate. Le forze ucraine, costrette a razionare per mesi le munizioni, potranno adottare un atteggiamento e di conseguenza una strategia differente. 

Il quadro potrebbe cambiare in maniera nei prossimi giorni per l’arrivo sulla scena di un nuovo ‘protagonista’. L’Ucraina si prepara a salutare l’arrivodei jet F-16 dopo la Pasqua ortodossa, che viene celebrata domenica 5 maggio. 

A fare riferimento alla data è Ilya Yevlash, portavoce dell’aviazione di Kiev. “Stiamo aspettando”, dice – come riportano media ucraini e come rilancia Newsweek – e annuncia che gli aerei potrebbero ‘debuttare’ “dopo Pasqua”. Da mesi i piloti si addestrano per sfruttare i caccia, forniti in particolare da Danimarca, Paesi Bassi, Norvegia e Belgio. 

Non è chiaro, a questo punto, quale sarebbe l’impatto degli F-16 sugli equilibri in campo. Nelle scorse settimane, un’anonima fonte militare ucraina ha evidenziato a Politico che “gli F-16 servivano nel 2023, non vanno bene per il 2024”. Il governo olandese nei mesi scorsi ha preannunciato l’invio degli aerei “nel secondo trimestre del 2024”. A marzo, il Belgio si è impegnato a consegnare i velivoli entro la fine dell’anno. “Quest’anno, più di uno squadrone di F-16 comincerà ad arrivare in Ucraina con piloti e addetti alla manutenzione”, una delle ultime comunicazioni del segretario alla Difesa degli Stati Uniti, Lloyd Austin. 

 

Rispetto all’Ucraina, finora la Russia ha potuto esibire e sfruttare una netta superiorità in termini di uomini, munizioni e mezzi. Mosca riversa soldati al fronte senza soluzione di continuità, con minima attenzione alle perdite umane. Il tema delle armi a disposizione, per quantità e qualità, comincia però a diventare un argomento da affrontare. Ad accendere i riflettori sul tema è il ministro della Difesa, Sergei Shoigu, che chiede uno sforzo ulteriore alla macchina bellica. Gli accordi con altri paesi – la Corea del Nord per l’artiglieria, l’Iran per i droni – sono fondamentali ma non bastano. 

“Per mantenere il ritmo richiesto dell’offensiva… è necessario aumentare il volume e la qualità delle armi e degli equipaggiamenti militari forniti alle truppe, in primo luogo le armi”, dice Shoigu dopo una riunione con la leadership militare e alla luce delle esigenze illustrate dal capo di Stato maggiore, il generale Valery Gerasimov. 

La Russia da mesi esercita una pressione costante in particolare lungo il fronte orientale. Le forze di Mosca hanno guadagnato terreno, costringendo Kiev a scelte conservative e a abbandonare alcune posizioni. Ora, però, l’Ucraina inizia a ricevere le armi dagli Usa e da altri paesi della coalizione occidentale. La Russia, che secondo analisti e esperti potrebbe sferrare una nuova offensiva tra fine primavera e inizio estate, nelle prossime settimane dovrà confrontarsi con nemici più preparati.