Gaza, Hamas: “Oggi risposta a Israele su accordo”. Blinken: “Progressi veri”

0
43

(Adnkronos) – Hamas risponderà oggi alla proposta per il cessate il fuoco a Gaza e per il rilascio degli ostaggi rapiti in Israele nell’attacco del 7 ottobre. I colloqui per una tregua tra Israele e Hamas sono in stato avanzato ma le parti restano distanti sulla questione chiave se la fine della guerra nella Striscia di Gaza debba essere passo integrante dell’accordo. “Molto probabilmente” oggi, se Dio vuole che i mediatori riceveranno una risposta”, dichiara Hamas in merito ai tempi di una risposta sulla proposta. 

 

A tessere la tela della diplomazia, nelle ultime ore, contribuisce soprattutto il segretario di Stato americano, Antony Blinken, che in Israele incontra il premier Benjamin Netanyahu. I progressi sono “reali e significativi”, dice Blinken. Un segnale incoraggiante è rappresentato dalla decisione di Israele di aprire il valico di Erez per far arrivare gli aiuti direttamente nel nord di Gaza. 

L’esercito israeliano afferma che circa 30 camion con cibo e forniture mediche dalla Giordania sono entrati oggi nel nord della Striscia attraverso il valico. I camion sono stati sottoposti ad una “attenta ispezione di sicurezza”, fanno sapere le forze di difesa (Idf). Il passaggio era stato attaccato e gravemente danneggiato durante l’assalto di Hamas del 7 ottobre, l’Idf sostiene di aver effettuato lavori per consentire il transito dei camion. 

 

“Un progresso reale e importante”, ripete Blinken. Netanyahu, però, nell’incontro con il numero 1 della diplomazia a stelle e strisce ribadisce che non accetterà alcun accordo con Hamas che preveda la fine della guerra a Gaza. “Israele farà tutto il possibile per il ritorno degli ostaggi ma si sta preparando per l’operazione a Rafah”, sottolinea anche il ministro della difesa israeliano Yoav Gallant.  

 

Blinken avverte i leader israeliani che un’operazione a Rafah in questo momento diminuirebbe le possibilità di raggiungere un accordo e avrebbe un impatto sugli sforzi statunitensi per promuovere la normalizzazione tra Israele e Arabia Saudita. Secondo un rapporto del Guardian, Riad sta attualmente promuovendo un accordo di cooperazione in materia di sicurezza con gli Stati Uniti che esclude la normalizzazione dei legami con Israele, a causa dei continui combattimenti a Gaza. 

Le operazioni militari condizionano anche i rapporti tra Israele e la Colombia, che interromperà le relazioni con lo stato ebraico, come annuncia il presidente del paese sudamericano, Gustavo Petro. Perentoria la replica del ministro degli Esteri israeliano Israel Katz, che stigmatizza la posizione “antisemita e piena di odio”. “La storia ricorderà che Gustavo Petro decise di schierarsi accanto ai mostri più vili che la storia abbia mai conosciuto”, scrive Katz su X, “che bruciarono neonati, uccisero bambini, violentarono donne e rapirono civili innocenti”. “I rapporti tra Colombia e Israele sono sempre stati cordiali”, continua Katz, “e nessun presidente antisemita pieno di odio cambierà la situazione”.