Usa, non si fermano proteste pro-Gaza nelle università: tensione nel campus dell’Ucla

0
14

(Adnkronos) – Non si fermano proteste pro-Palestina nelle università americane. Nella notte la polizia ha fatto irruzione nell’accampamento allestito dai manifestanti nell’Università della California, Ucla, uscendo dopo qualche ora. Lo ha riferito la Cnn, secondo cui l’uscita degli agenti – contro cui urlavano i dimostranti – è avvenuta senza incidenti. E’ rimasta solo una piccola presenza all’esterno del perimetro dell’accampamento, fa sapere l’emittente. 

Secondo quanto riportato, l’intervento sarebbe stato preceduto dal lancio di una granata stordente. “La polizia ha lanciato un ‘flashbang’, quasi come una tecnica di distrazione, mentre avviava la sua operazione per smantellare l’accampamento”, ha riferito la corrispondente di SkyNews. In precedenza le forze dell’ordine avevano chiesto via altoparlante ai manifestanti di lasciare il posto, dopo aver dichiarato illegale l’accampamento. I dimostranti nel campus di Los Angeles dell’Università della California, continuano intanto a urlare “Non ce ne andremo”. 

Diverse agenzie per la sicurezza hanno inviato sul posto le loro unità con compiti specifici: al Dipartimento di Polizia di Los Angeles è affidato l’incarico di mettere in sicurezza il perimetro, la California Highway Patrol entrerà nell’accampamento, il dipartimento dello sceriffo di Los Angeles sarà responsabile del controllo sulla folla. Le forze dell’ordine sul posto sono dotate di dispositivi di protezione, comprese maschere antigas, secondo le fonti citate dall’emittente.  

 

Ieri scontri tra gruppi di manifestanti filo israeliani e filo palestinesi sono scoppiati nel campus di Los Angeles. “Sono avvenuti orribili atti di violenza e abbiamo immediatamente chiamato la polizia”, ha detto la vice rettrice. Un giornalista che lavora per il “Daily Bruin”, giornale dell’università, ha riferito che i manifestanti filo Israele hanno lanciato “petardi, uno scooter, bottiglie d’acqua e gas lacrimogeni” contro il gruppo avverso. 

 

Centinaia di manifestanti sono stati arrestati nelle ultime 24 ore durante le proteste che stanno infiammando i campus universitari negli Stati Uniti. Anche se le richieste dei manifestanti variano da università a università, la maggior protesta contro la guerra a Gaza e chiedono di disinvestire dalle aziende che sostengono Israele. 

Università dell’Arizona: mercoledì le forze dell’ordine hanno usato palline di pepe e proiettili di gomma contro i manifestanti, ha detto l’università in una nota. 

A New York, circa 300 persone sono state arrestate nell’operazione di polizia condotta per sgomberare i campus della Columbia e del City College dai manifestanti pro Gaza. Ancora da capire quanti di coloro che occupavano la Hamilton Hall della Columbia fossero studenti e quanti no. Il sindaco di New York, Eric Adams, ha denunciato “un movimento per radicalizzare i giovani…non permetterà che questo accada”. 

Fordham University: almeno 15 persone sono state arrestate dopo che decine di manifestanti hanno allestito un accampamento all’interno dell’edificio Lowenstein dell’università, secondo una dichiarazione della scuola che ha chiesto al Dipartimento di Polizia di New York di essere nel campus almeno fino al 22 maggio. 

Università di Buffalo: circa 16 persone sono state arrestate mercoledì sera dopo una protesta filo-palestinese al North Campus dell’università, ha detto la scuola in un comunicato. 

Dartmouth College: Novanta persone sono state arrestate durante la protesta filo-palestinese di mercoledì con l’accusa di aver commesso reati tra cui violazione di domicilio e resistenza all’arresto, ha detto la polizia della città di Hanover nel New Hampshire. 

Università del Texas a Dallas: almeno 17 arresti sono stati effettuati nel campus mercoledì sera, hanno detto i funzionari della scuola. 

Università del Wisconsin-Madison: diversi manifestanti sono stati arrestati mercoledì, ha detto il cancelliere Jennifer L. Mnookin in una lettera alla comunità del campus.