Russia: “Macron vuole la guerra”: cosa ha detto il presidente francese

0
35

(Adnkronos) – Emmanuel Macron, i soldati occidentali, l’Ucraina e la Russia. Il copione si ripete, con effetto immediato sui rapporti tra Parigi e Mosca in una fase cruciale della guerra tra Ucraina e Russia. Il presidente lo scorso 26 febbraio aveva superato la linea rossa non tracciata della geopolitica. 

“Diversi Paesi membri della Nato e dell’Unione europea considerano l’invio di soldati in territorio ucraino su base bilaterale”, aveva dichiarato all’Eliseo, in occasione della conferenza in sostegno dell’Ucraina a cui avevano preso parte 21 capi di Stato e di governo.  

Poi, il 3 maggio, il ministro degli Esteri britannico, David Cameron, aveva a parole rotto un altro tabù, dicendosi favorevole all’uso delle armi fornite da Londra a Kiev per attaccare obiettivi all’interno della Russia. 

L’Ucraina, aveva detto, ”ha assolutamente il diritto” di reagire all’aggressione russa. “Spetta agli ucraini decidere come utilizzare queste armi. Stanno difendendo il loro Paese, sono stati invasi illegalmente da Putin e devono reagire. Vogliamo essere assolutamente chiari: la Russia ha lanciato un attacco contro l’Ucraina e l’Ucraina ha assolutamente il diritto di contrattaccare la Russia”.  

Poi, in una intervista all’Economist pubblicata all’inizio di questo mese, Macron aveva ribadito che l’invio di forze militari in Ucraina non era escluso se Mosca “rompeva le linee del fronte” e se Kiev lo chiedeva, ma “non è il caso oggi”. “Scartarlo a priori, significherebbe non aver tratto insegnamenti dagli ultimi due anni”. 

Macron ha ribadito le sue dichiarazioni di febbraio. “Assolutamente”, aveva risposto alla domanda se confermava la possibilità di inviare forze francesi in territorio ucraino. “Oggi non c’è consenso fra i Paesi della Nato e dell’Unione europea, per inviare in modo ufficiale, assumere e approvare i loro soldati sul territorio ucraino su base bilaterale”. “Come ho avuto modo di dire, non escludo nulla perché abbiamo a che fare con una persona che non esclude nulla. Siamo stati troppo esitanti formulando dei limiti della nostra azione nei confronti di qualcuno che non ne ha e che è l’aggressore”, aveva detto. 

Nelle ultime ore, è arrivata la nuova risposta da Mosca. Le dichiarazioni del presidente francese “colpiscono per la loro irresponsabilità e sconsideratezza”, secondo una nota del ministero degli Esteri russo in relazione alle esercitazioni nucleari tattiche che Mosca ha annunciato ieri. 

E’ “difficile” percepire le parole pronunciate da Macron, osserva il ministero degli Esteri, se non come “una manifestazione di disponibilità e intenzione di entrare in uno scontro armato diretto con la Russia, il che significherebbe uno scontro militare frontale tra le potenze nucleari”.