Germania, statue con seni logori per selfie turisti: le foto usate per campagna anti molestie

0
40

(Adnkronos) – Le molestie sessuali lasciano il segno. E le statue di donne e ragazze, con i seni scoloriti e logori per i selfie inopportuni di turisti invadenti, lo dimostrano forse più di tante denunce trattenute. Questo lo slogan utilizzato da ‘Terre des Femmes’, un’organizzazione tedesca impegnata contro la violenza sulle donne, che ha diffuso le fotografie scattate a tre statue femminili, La Donna del Reno (Frau Rhein) sulla Fontana del Nettuno nel centro di Berlino, Giulietta nel centro di Monaco di Baviera e La Jeunesse a Brema. Quello che subito salta all’occhio è il logoramento del bronzo, scolorito per le mani di chi si diverte a toccare i seni delle statue. Ma per essere ancora più espliciti, l’ong ha collocato dietro a ciascuna statua grandi pannelli bianchi con la frase “le molestie sessuali lasciano il segno”. Inquadrando un codice QR, inoltre, si può accedere all’intera campagna di sensibilizzazione, nonché ai video prodotti dall’associazione in cui si immagina che le statue possano parlare per denunciare il loro destino. 

E per dar voce anche a tutte le altre statue, anche al di fuori della Germania, che subiscono le stesse molestie. Il quotidiano Telegraph, ad esempio, riferisce che di recente a Dublino è stata lanciata una campagna per chiedere ai turisti di smettere di divertirsi con la scollatura della statua della pescivendola Molly Malone, anch’essa scolorita a causa delle ripetute manipolazioni. In Francia, fa notare l’emittente Bfmtv, anche il busto della cantante Dalida collocato a Montmartre a Parigi è vittima della stessa usura, dello stesso abuso. Realizzato dall’artista Aslan il 24 aprile 1997, il busto vede, ogni anno, migliaia di ammiratori che non esitano ad accarezzare il seno della statua, causandone l’ossidazione. Oltre che in Germania, la statua di Giulietta è presa di mira anche in Italia, a Verona, dove i turisti usano toccarle il seno in un rituale di buon auspicio in amore. Il risultato è che l’opera è stata danneggiata e oggi presenta un foro nel senso destro. 

Le statue danneggiate ”testimoniano molti decenni di violenze sessuali”, ha dichiarato Sina Tonk, responsabile del progetto di ‘Terre des Femmes’ che ha organizzato la campagna di sensibilizzazione ‘Unsilence the violence’, letteralmente non far tacere la violenza. “Nella nostra società non è raro che il corpo delle donne venga toccato o baciato senza il loro consenso”, continua Tonk. ”Se queste esperienze traumatiche non lasciano tracce visibili, come lo scolorimento delle statue, lasciano invece segni invisibili” sulle donne, ha aggiunto, ricordando che solo in Germania due donne su tre hanno riferito di aver subito violenza sessuale durante la loro vita. 

Attraverso questa campagna di sensibilizzazione, la portavoce di Terre des Femmes sottolinea anche come viene minimizzato e come è diffuso il sentimento di impunità degli autori di questi abusi. “Siamo così abituati a questo tipo di fenomeni che li notiamo a malapena”, si rammarica. “Frasi come ‘non è così grave, è solo un bacio, solo un gesto inappropriato’ sono così comuni che illustrano bene questa minimizzazione”, ha aggiunto. E come dimostrano molte fotografie condivise sui social network e rilanciati dalla stessa associazione oscurando i volti dei protagonisti, i turisti con le mani sui seni delle statue non si vergognano di apparire in quella postura. Anzi.