Elezioni europee, alle 19 affluenza al 40,86% in Italia. Aumenta in Germania e Francia

0
15

(Adnkronos) – Per le elezioni europee 2024 in Italia alle 19 ha votato il 40,86% degli aventi diritto. Sono i dati del Viminale pubblicati sul portale Eligendo, relativi a 61.650 sezioni su 61.650. Alle 12 l’affluenza era al 25,14%. 

I seggi sono stati aperti oggi, domenica 9 giugno, alle 7: si potrà votare fino alle 23 in tutta Italia per la seconda delle due giornate di voto. Per quanto riguarda le comunali l’affluenza è stata del 34,41%, per le regionali in Piemonte del 29,24%. 

 

In Germania l’affluenza alle 14 si è attestata al 32,3%, in crescita di 3 punti circa rispetto ai dati del 2019. Secondo la funzionaria federale Ruth Brand “ci sono segnali di un maggiore interesse per le elezioni europee in Germania rispetto a cinque anni fa”. Tuttavia, secondo Brand, “i dati del 2019 e quelli attuali non sono esattamente paragonabili in termini di metodologia”. Alle elezioni europee di cinque anni fa in Germania si è registrato un aumento dell’affluenza alle urne rispetto alle elezioni precedenti del 2014, dove l’affluenza alle urne alle 14 era stata del 25,6% e l’affluenza complessiva era del 48,1%. Oggi i seggi elettorali in Germania rimarranno aperti fino alle 18. 

Cresce l’affluenza alle urne in Francia. Alle 17 è al 45,26%, in crescita di circa 2 punti rispetto al 43,29% del 2019 (sempre alle 17). Nel 2014 l’affluenza era del 35,07%. Lo rende noto il ministero dell’Interno francese in un comunicato. 

In Spagna, l’affluenza alle 18 si attesta al 38,3%, in calo di ben 11 punti rispetto al 2019. Nel 2019 alle 18 l’affluenza si attestava al 49,44% ma coincideva con le elezioni comunali e regionali. L’affluenza comunque è di 4,3 punti in più rispetto alle elezioni europee del 2014, che si sono svolte senza coincidere con nessun altro evento elettorale. In quell’occasione la partecipazione alle 18 fu quasi del 34%. Alle 18 in Spagna complessivamente hanno votato oltre 13,5 milioni di elettori. I dati non includono il voto per corrispondenza, un sistema utilizzato da oltre 580.000 persone. 

 

In Italia si vota per l’elezione dei 76 membri del Parlamento europeo, del consiglio e del presidente della giunta regionale in Piemonte e per il turno annuale di elezioni amministrative nelle Regioni a statuto ordinario e in quelle a statuto speciale in Friuli Venezia Giulia, Sardegna e Sicilia. 

Sono interessati al voto per le elezioni europee, in base agli ultimi dati pubblicati dal Viminale, oltre 51 milioni di cittadini ovvero il totale degli iscritti alle liste elettorali. Le elezioni amministrative riguardano 3.698 comuni in totale, di cui 3.520 delle regioni a statuto ordinario, 114 del Friuli Venezia Giulia, 27 della Sardegna e 37 della Sicilia. Sono 28 i comuni capoluogo al voto. 

 L’affluenza per la prima giornata delle elezioni europee, iniziata sabato alle 15 in Italia, si è attestata al 14, 64%. Secondo i dati del Viminale, pubblicati sul portale ‘Eligendo’, per quanto riguarda le comunali l’affluenza è stata del 20,63%, per le regionali in Piemonte del 17,54%. 

Gli elettori, spiega il Viminale, devono recarsi a votare in possesso di documento di identità valido e tessera elettorale. In caso di smarrimento o esaurimento degli spazi per le timbrature sulla tessera, la stessa può essere richiesta anche nei giorni di votazione presso l’ufficio elettorale del comune di iscrizione nelle liste elettorali. 

Per quanto riguarda le elezioni europee, è possibile votare una sola lista, e non è ammesso il voto disgiunto. L’elettore può tracciare un segno sul simbolo della lista scelta, anche senza indicare candidati. I nominativi dei candidati eventualmente scelti vanno indicati sulle righe stampate a destra del simbolo, scrivendo il cognome oppure il nome e il cognome in caso di omonimia. Si possono esprimere da una a tre preferenze. Nel caso di due o tre preferenze, le stesse devono riferirsi a candidati di genere diverso, altrimenti si determina l’annullamento della seconda o della seconda e terza preferenza. I candidati devono appartenere alla lista votata. 

Le liste di candidati presentate per ciascuna circoscrizione e i simboli dei partiti, movimenti o gruppi politici organizzati sono consultabili online, come anche i fac-simile delle schede elettorali, di colore diverso per ciascuna delle 5 circoscrizioni elettorali in cui è suddiviso il territorio nazionale.