Concerto primo maggio, Morgan contro la musica “dei rutti”

0
39

(Adnkronos) – Morgan contro il mercato squalo e la musica “dei rutti” dal palco del Concertone del primo maggio. il set si apre con il brano “Sì, certo l’amore”, poi Morgan legge sul palco un elogio alla musica italiana amata in tutto il mondo (“allegro e adagio sono due parole italiane ma si usano in tutto il mondo”) e un appello perché la politica aumenti la sua considerazione della musica. “Oggi è un giorno di festa perché i lavoratori festeggiano ed io voglio ringraziare tutte le persone che stanno lavorando a questo spettacolo. Sono persone che hanno studiato che non hanno nessun tipo di tutela legale in questo paese. Perché gli artisti non sono per niente considerati, non vengono rispettati dalla politica. Dalla politica no ma dal popolo sì perché restare senza musica è fare una vita peggiore”, afferma Morgan. 

Quindi, aggiunge l’artista: “Questa è la vostra festa, perché voi avete lavorato e volete lo spettacolo. Noi facciamo un applauso e diciamo ai signori politici che noi italiani siamo inventori della musica in tutto il mondo e lasciare gli artisti privi di tutela legale nelle mani del becero mercato squalo non è degno dell’Itala che deve essere”. 

Al termine del monologo, Morgan intona un brano inedito il cui ritornello denuncia “pubblicano i rutti”, che è una critica feroce alla qualità della musica che va per la maggiore nelle classifica di questi anni. Infine intona ‘Altrove’ e poi duetta con Noemi sul finale del brano. L’esibizione viene sfumata sul finale per lasciare la linea al Tg 3.