Uragano Beryl devasta i Caraibi, vittime e città rase al suolo – Video

0
21

(Adnkronos) – Sono almeno 7 i morti causati dall’uragano Beryl: sei vittime sono state registrate nelle isole del sud-est dei Caraibi, una in Venezuela. L’uragano ha toccato terra come una tempesta di categoria 4 lunedì sull’isola di Carriacou a Grenada, che è stata “rasa al suolo” in mezz’ora, ha affermato il primo ministro Dickon Mitchell. 

Secondo il Centro nazionale uragani, Beryl sta perdendo intensità, ma si prevedeva che sarà stato ancora vicino alla forza di un uragano maggiore quando passerà vicino la Giamaica oggi, vicino alle Isole Cayman domani e nella penisola dello Yucatan in Messico venerdì. 

È stato emesso un avviso di uragano per la costa meridionale di Haiti e la costa orientale dello Yucatan. Il Belize ha emesso un avviso di tempesta tropicale che si estende a sud dal confine con il Messico fino a Belize City. Si prevede che toccherà terra nella parte meridionale dell’isola mercoledì, probabilmente come tempesta di almeno categoria 3, secondo il National Hurricane Center. Sono passati più di tre decenni da quando un uragano di grandi dimensioni ha colpito la Giamaica. 

 

 

Il presidente Joe Biden ha affermato che gli Stati Uniti sono pronti ad assistere nei luoghi colpiti da Beryl. La Casa Bianca ha anche affermato in precedenza che si sta preparando a offrire supporto a Porto Rico e alle Isole Vergini americane. 

Beryl è stata la prima tempesta a svilupparsi in un uragano di categoria 5 nell’Atlantico e ha raggiunto un picco di venti di 270 km/h martedì prima di indebolirsi a una categoria 4 ancora distruttiva. Gli scienziati hanno lanciato l’allarme per una stagione degli uragani più attiva ed estrema quest’anno. L’inquinamento che riscalda il pianeta sta facendo aumentare le temperature globali e oceaniche e i livelli del mare, il che sta rendendo gli impatti degli uragani più pericolosi.