Giustizia: Pm Bono, “Bene circolare Csm organizzazione Procure”

0
19

(Adnkronos) – “L’indipendenza interna del pubblico ministero è importante quanto quella esterna, per cui ritengo vada nella giusta direzione la nuova circolare del CSM, specialmente nel punto in cui chiarisce le prerogative dei sostituti procuratori rispetto al procuratore della Repubblica. Anche se, a mio avviso, si sarebbe potuto fare di più riguardo alle loro prerogative nella fase delle indagini preliminari. Dopo oltre un anno di approfondimenti e audizioni, la circolare è intervenuta per specificare le previsioni della legge ordinaria, ponendo chiari limiti a quella tendenza alla gerarchizzazione degli uffici di procura che aveva connotato gli interventi normativi dal 2006 al 2022, quando la riforma Cartabia e i successivi decreti delegati hanno imboccato il percorso inverso, che il CSM ha recepito seguendo tre direttrici: nuovo metodo di adozione del progetto organizzativo ricalcato sul modello tabellare previsto per gli uffici giudicanti, con un più significativo coinvolgimento dei sostituti procuratori; standardizzazione dei modelli per la redazione dello stesso; rafforzamento del ruolo del CSM rispetto ai poteri organizzativi del procuratore della Repubblica”. Così il sostituto procuratore generale di Caltanissetta Gaetano Bono – autore del libro “Meglio separate, un’inedita prospettiva sulla separazione delle carriere in magistratura”, pubblicato a ottobre 2023 per l’editore Le Lettere, nel quale la questione della gerarchizzazione delle procure viene trattata approfonditamente – nel corso del suo intervento al convegno sulla riforma della giustizia, presso il Museo archeologico di Olbia, promosso dal Procuratore della Repubblica di Tempio Pausania Gregorio Capasso, e dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Tempio Pausania, al quale hanno preso parte Claudio Martelli, già Ministro della Giustizia, il Procuratore Generale di Cagliari Luigi Patronaggio, il Presidente dell’Unione Camere Penali Italiane avvocato Francesco Petrelli, Francesco Zacchè, e Carlo Selis, Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Tempio Pausania.