Elezioni Gran Bretagna, Nigel Farage: ora Mr Brexit vuole una ‘rivolta politica’ nel Paese

0
41

(Adnkronos) – Per quasi tre decenni Nigel Farage è stato il volto dell’euroscetticismo nel Regno Unito, diventando uno dei campioni della Brexit alla guida dell’Ukip prima e poi del Brexit Party. Ora che l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea è una realtà, il 60enne istrionico leader populista, grande amico e fan di Donald Trump che lo voleva ambasciatore britannico a Washington, vuole riformare il Paese abbassando drasticamente le tasse e dichiarando guerra a criminalità e, soprattutto, all’immigrazione.  

Alla guida di Reform Uk Farage afferma di volte guidare “una rivolta politica, voltando le spalle allo status quo politico che non funziona, niente funziona più”. Iniziata la campagna con l’11%, il partito di Farage è costantemente salito, arrivando anche a metà giugno a 19% e facendo precipitare i Tories al terzo posto. Gli ultimi sondaggi lo danno intorno al 16%, che sarà confermato sarà un enorme risultato per il partito.  

Farage è candidato a Clacton, la cittadina dell’Essex dove nel 2016 si registrò la percentuale più alta, il 70%, in favore della Brexit. Si tratta dell’ottava volta che Farage tenta di ottenere un seggio ai Comuni, impresa finora sempre fallita a causa del sistema maggioritario, mentre invece, ironia della sorte, è stato eletto più volte al Parlamento Europeo, grazie al proporzionale che Farage ora propone tra le riforme per rivoluzionare il Regno Unito.  

Figlio di un agente di cambio, Farage è nato nel Kent ed ha frequentato una scuola privata, il Dulwich College, nel sud di Londra. Suoi ex compagni lo ricordano come sempre incline a provocare altri studenti ed insegnanti con affermazioni controverse. A 18 anni decine di non andare all’università e nel 1982 diventa trader al London Metal Exchange.  

Farage abbandona i Tories quando il Regno Unito ratifica il Trattato di Maastricht nel 1992, unendosi alla formazioni euroscettica UK Independence Party (Ukip). Dal 2006 è il leader del partito, diventando un volto noto televisivo, soprattutto quando nel 2009 il suo partito alle Europee prende più voti di laburisti e liberali. Protagonista della campagna che porta alla vittoria dei sì al referendum per la Brexit nel 2016, dopo il voto lascia l’Ukip e nel 2019 fonda il Brexit Party che dopo l’effettiva uscita dall’Unione diventa Reform Uk.  

A questo punto però si allontana dalla politica, iniziando nel 2021 una carriera televisiva sul nuovo canale di destra Gb News. Non mancano poi le partecipazioni a reality come I’m a Celebrity…Get Me Out of Here. E nei mesi che hanno preceduto la convocazione delle elezioni per il 4 luglio ha continuato a ripetere che non si sarebbe candidato ai Comuni, salvo poi cambiare idea lo scorso 3 giugno ed annunciare la candidatura a Clacton.  

Caposaldo del suo programma elettorale è il congelamento dell’ingresso dei migranti non essenziali, la deportazione immediata dei migranti con pendenze penali e il blocco dei barchini sulla Manica. In materia di politica estera si propone un taglio del 50% degli aiuti allo sviluppo e anche l’uscita di Londra dalla Convenzione europea dei diritti umani, oltre che l’abolizione del Windsor Framework, il complesso protocollo firmato nel 2023 per risolvere il problema delle barriere commerciali tra Irlanda del Nord, Gran Bretagna e Ue.  

Sul piano fiscale promette un drastica riduzione delle tasse, sollevando a 100mila sterline la soglia minima per la tassazione delle imprese, a 20mila per i redditi individuali, abolendo la tassa di successione sotto i due milioni di sterline e in generale tutte le “non necessarie regolamentazioni”.  

Infine, si impegna ad un programma di ‘law and order” aumentando il numero dei poliziotti, realizzando altri 10mila posti nei penitenziari ed abolendo tutte le regole considerate ‘woke’, liberal, che limitano, a detta di Farage, l’azione della polizia.